Ransomware: l’Italia rimane il Paese più colpito in Europa

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

I ransomware continuano ad abbattersi sull’Italia, che risulta il primo Paese in Europa e il decimo Paese nel mondo più colpito da questo fenomeno. Il dato emerge da “Unseen threats, imminent losses”, il report sulle minacce informatiche del primo semestre 2018, a cura dei laboratori Trend Micro.

Se il trend ransomware si conferma nel nostro Paese, a livello globale il report mostra che nel primo semestre 2018 i cybercriminali hanno, però, adottato metodi meno fragorosi per rubare denaro e impadronirsi di risorse di calcolo, rispetto ai grandi attacchi del passato. Nel primo semestre i bersagli preferiti sono state le cripto monete. I laboratori Trend Micro hanno infatti registrato un incremento nel mining del 96% rispetto a tutto il 2017 e del 956%, considerando solo la prima metà dello scorso anno. Questo indica che il trend cybercriminale è a favore di approcci più “dietro le quinte”, che mirano a rubare potenza di calcolo per il mining di cripto monete.

Continua a leggere

Trend Micro presenta un nuovo programma che aiuta a proteggere i dispositivi IoT

La Zero Day Iniziative supporta i produttori IoT nel combattere le falle dei dispositivi connessi, prima che vengano commercializzati 

Trend Micro riconferma l’impegno nel settore IoT, presentando un nuovo programma che punta a minimizzare le vulnerabilità dei prodotti smart, sfruttando la leadership globale della Zero Day Initiative (ZDI). Inoltre, i produttori potranno sottoporre i dispositivi alle analisi dei propri team di ricerca, per risolvere eventuali vulnerabilità prima della commercializzazione.

Secondo Gartner[1], nel 2021 i dispositivi IoT saranno 25 miliardi e il numero è destinato ad aumentare. Una percentuale di questi dispositivi appartiene alla categoria IIoT e il numero di possibili incidenti crescerà. I dispositivi non sicuri, infatti, alimentano una serie di minacce emergenti, tra cui il furto dei dati aziendali e le intrusioni nelle reti, i ransomware, il sabotaggio di apparecchiature industriali, gli attacchi DDoS e il cripto-mining.

La Trend Micro ZDI è un programma di ricerca sulle vulnerabilità, che aiuta le aziende da oltre 13 anni. Oggi gestisce il maggiore bug bounty program al mondo, che vede oltre 3.500 ricercatori esterni supportare il lavoro dei team di ricerca interni.

Durante la prima metà del 2018, la ZDI ha già diramato 600 alert, facendo segnare un +33% rispetto alla prima metà del 2017. Le vulnerabilità SCADA e IIoT rappresentano il 30% del totale.

Grazie al nuovo programma, i produttori di dispositivi possono accedere a ricerche autorevoli e complete sull’IoT, che aiutano a valutare le possibili vulnerabilità prima di immettere i dispositivi sul mercato, sviluppando così un processo di gestione delle vulnerabilità stesse.

Trend Micro Research e la ZDI sono solo due elementi dell’approccio Trend Micro alla protezione dell’Internet of Things. Accanto alla continua ricerca sulle minacce emergenti in settori come gli speaker wireless, i sistemi robotici, la gestione del traffico e le auto connesse, collaboriamo con società di telecomunicazioni, aziende, sviluppatori e altre parti interessate.

Trend Micro Deep Security offre una protezione per i data center, mentre la prevenzione delle intrusioni di Trend Micro Tipping Point e il rilevamento delle vulnerabilità di Deep Discovery migliorano la security a livello di rete. Trend Micro Safe Lock, invece, protegge le applicazioni o i sistemi operativi legacy negli ambienti IIoT.

[1]Gartner, Security and Engineering — Converging or Colliding? Published 18 June 2018 – ID G00348946

L’evoluzione della security, dalle realtà specializzate al mondo dei fast food. Per ritornare a una valorizzazione del KM 0

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Mi piacerebbe proporre un accostamento tra due mondi all’apparenza completamente differenti, il mondo della sicurezza IT e quello culinario. Lo spunto di riflessione che voglio suggerire è se sia meglio un piatto unico, dove al suo interno troviamo mischiati primo, secondo e contorno, oppure un pasto completo, che permette a ogni singola pietanza di esprimere al meglio le sue caratteristiche e proprietà, evidenziando lo studio che lo chef ha compiuto per crearla e l’impegno profuso nel prepararla, scovando gli ingredienti migliori. Qual è il piatto che soddisferà di più il nostro palato e che ha maggiori probabilità di essere riconosciuto e premiato?

Il mondo della security ha i suoi chef, ma anche i cuochi allo sbaraglio. Si possono trovare quelli che si occupano un po’ di tutto, ma anche i professionisti, che studiano e lavorano in modo specifico per risolvere le problematiche che ogni giorno vengono scoperte.

Continua a leggere

Trend Micro migliora la Container Security, per lavorare alla velocità dei DevOps

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Deep Security™ Smart Check rileva le criticità di security prima del deployment, grazie alla scansione dell’immagine del container

Siamo felici di presentare Deep Security™ Smart Check, la nuova espansione che migliora la protezione container. Il nuovo modulo di Deep Security effettua una continua scansione dell’immagine del container, migliorando così la protezione runtime.

Tren Micro lancia la Deep Security™ Smart Check

Abbiamo appositamente progettato Deep Security Smart Check per scansionare l’immagine container prima del deployment, in modo da identificare le vulnerabilità e i malware in maniera più efficace. Il risultato è che i problemi di security possono essere risolti nel ciclo di sviluppo, invece che in seguito alla release dell’applicazione.

Continua a leggere

Forrester Wave: Trend Micro è leader nella Endpoint Security

L’azienda mantiene la sua posizione di market leader grazie alle continue evoluzioni della sua tecnologia 

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Market leader nella sicurezza endpoint

Siamo orgogliosi di essere stati nominati market leader nella sicurezza endpoint. Abbiamo preceduto altri 14 vendor, facendo segnare il punteggio più alto nella categoria “offerta corrente” e in quella della strategia e raggiungendo uno score tra i maggiori nella categoria relativa alla presenza sul mercato.

Secondo il report The Forrester Wave™: Endpoint Security Suites, Q2 2018 “Trend Micro continua a offrire la suite più flessibile e completa sul mercato” e “Trend Micro mantiene la sua posizione di market leader grazie a continue evoluzioni della sua tecnologia di prevenzione e rilevamento, unite a capacità di best-in-class suite”.

Pochi mesi fa eravamo già stati nominati Leader nel Gartner 2018 Magic Quadrant for Endpoint Protection Platforms (EPP), questa è un’ulteriore riconferma dell’efficacia delle nostre soluzioni.

Gli elementi chiave dell’offerta attuale includono la prevenzione dei malware e degli exploit, il rilevamento comportamentale e ottime performance, elementi che Forrester ha validato utilizzando i feedback dei clienti e i test di terze parti. Per la valutazione della strategia sono stati presi in considerazione la vision e il focus corporate, il coinvolgimento della community e la road map dei prodotti. Il giudizio sulla presenza di mercato ha richiesto, invece, un focus sulla base clienti di ogni vendor e sulla presenza dei partner licenziatari.

Il report afferma anche che “gli amministratori apprezzano l’alto livello di automazione del prodotto, insieme alla sua flessibilità e scalabilità, che permette di adattarsi a diversi ambienti operativi”. E conclude “Trend Micro è una scelta facile per quegli ambienti aziendali che richiedono una piena endpoint security”.

La sicurezza endpoint Trend Micro si basa sull’approccio XGen™, un insieme intergenerazionale di tecniche di difesa dalle minacce che applica in maniera intelligente la giusta tecnologia nel momento giusto. In questo modo, la protezione risulta essere più efficace ed efficiente nei confronti di una vasta gamma di minacce.

Il report The Forrester Wave™: Endpoint Security Suites, Q2 2018 è disponibile a questo link

Arrivano le demo e i test online gratuiti per i partner

A cura di Alessandro Fontana, System Integrator Alliance Manager Trend Micro Italia 

Grazie a Product Cloud, i partner potranno usufruire di dimostrazioni online e recensioni di prodotti. Il nuovo servizio sarà presentato nel corso di un webinar il 13 giugno. 

I partner potranno testare le soluzioni con Product Cloud

Siamo felici di presentare Product Cloud, un nuovo servizio online gratuito che consente ai partner di testare le soluzioni. Nel dettaglio, il servizio offre due funzioni principali: “Instant Demo” che consente di disporre di una demo istantanea e online delle soluzioni e “Product Trial”, che permette di testare i prodotti direttamente online.

Grazie a Product Cloud, i nostri partner possono ora mostrare ai propri clienti, e far loro toccare con mano, una varietà di soluzioni di sicurezza IT.

Continua a leggere

GDPR ci siamo. E ora?

L’importanza della privacy by design, in un processo di compliance che deve essere continuo 

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Il processo di compliance deve essere costante

Il General Data Protection Regulation (GDPR) è finalmente entrato in vigore. A questo punto e idealmente, le aziende dovrebbero aver già portato a termine tutte le attività per essere compliant. Le organizzazioni dovrebbero già essere in grado di fornire prodotti o servizi in linea con i diritti dei loro clienti, come sottolineato nel GDPR, e quelle che utilizzano applicazioni di terze parti dovrebbero stare in guardia circa gli aggiornamenti che contengono criticità, come il diritto all’oblio e i consensi per un utilizzo dei dati più rigido. Nei prossimi mesi, entreranno in vigore anche numerose altre leggi e nuove release software, anche in questo caso le aziende dovranno farsi trovare pronte.

Continua a leggere

Veritas sceglie Trend Micro per mettersi al sicuro dagli attacchi ransomware

La prima multiutility del Veneto blinda gli endpoint, i server e le reti 

Siamo lieti di comunicare che Veritas, la prima multiutility del Veneto per dimensioni e fatturato e una delle più grandi d’Italia, ha scelto le nostre soluzioni per proteggersi dagli attacchi cybercriminali.

Veritas migliora le prestazioni sulla parte endpoint, gateway e posta elettronica.

In un contesto di minacce sempre più evolute, Veritas era alla ricerca di un vendor di cyber security affidabile ed efficace, che consentisse il patching virtuale dei sistemi e migliorasse le prestazioni sulla parte endpoint, gateway e posta elettronica. Obiettivi per i quali le precedenti soluzioni si erano dimostrate manchevoli.

Continua a leggere

GDPR: 5 cose che potrebbero accadere in seguito all’entrata in vigore del nuovo regolamento

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

GDPR: gli interrogativi sono ancora molti

Dopo anni di discussioni e a un anno dalla sua rettifica ufficiale, ci siamo. Il General Data Protection Regulation (GDPR) sta per entrare definitivamente in vigore. Gli interrogativi sono ancora molti. Cosa potrebbe succedere effettivamente? Quando vedremo scattare le prime multe? Quali tecnologie e processi saranno ritenuti conformi allo standard di “stato dell’arte” imposto dal regolamento? Il GDPR sarà di aiuto o di intralcio all’innovazione?

Ecco alcune ipotesi su quello che potremmo vedere, a partire dalle mezzanotte del 25 maggio.

Continua a leggere

GDPR: come procede la corsa delle aziende alla compliance?

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Gli ultimi dubbi e i consigli per una corretta strategia

Quasi il 75% delle aziende italiane sembra aver creato una procedura per notificare le violazioni di dati, ma solo il 49% ha aumentato gli investimenti in IT Security. L’entrata in vigore del GDPR (General Data Protection Regulation) è sempre più vicina, ma a che punto sono le aziende italiane? A questo proposito, una ricerca Trend Micro, leader globale nelle soluzioni di cybersecurity, fornisce una fotografia interessante della situazione nel nostro Paese, a partire dalle difficoltà che le aziende stanno incontrando.

Ecco quali difficoltà stanno incontrando le aziende italiane

Tra le sfide maggiori per riuscire a essere compliance al nuovo regolamento europeo, le aziende lamentano infatti la presenza di troppi sistemi IT legacy (30%), la mancanza di una data security efficiente (29%) e l’assenza di processi formali che rendano possibile identificare chiaramente a chi appartengono e dove sono custoditi i dati (28%).

Continua a leggere