Archivio mensile:maggio 2018

GDPR ci siamo. E ora?

L’importanza della privacy by design, in un processo di compliance che deve essere continuo 

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Il processo di compliance deve essere costante

Il General Data Protection Regulation (GDPR) è finalmente entrato in vigore. A questo punto e idealmente, le aziende dovrebbero aver già portato a termine tutte le attività per essere compliant. Le organizzazioni dovrebbero già essere in grado di fornire prodotti o servizi in linea con i diritti dei loro clienti, come sottolineato nel GDPR, e quelle che utilizzano applicazioni di terze parti dovrebbero stare in guardia circa gli aggiornamenti che contengono criticità, come il diritto all’oblio e i consensi per un utilizzo dei dati più rigido. Nei prossimi mesi, entreranno in vigore anche numerose altre leggi e nuove release software, anche in questo caso le aziende dovranno farsi trovare pronte.

Continua a leggere

Veritas sceglie Trend Micro per mettersi al sicuro dagli attacchi ransomware

La prima multiutility del Veneto blinda gli endpoint, i server e le reti 

Siamo lieti di comunicare che Veritas, la prima multiutility del Veneto per dimensioni e fatturato e una delle più grandi d’Italia, ha scelto le nostre soluzioni per proteggersi dagli attacchi cybercriminali.

Veritas migliora le prestazioni sulla parte endpoint, gateway e posta elettronica.

In un contesto di minacce sempre più evolute, Veritas era alla ricerca di un vendor di cyber security affidabile ed efficace, che consentisse il patching virtuale dei sistemi e migliorasse le prestazioni sulla parte endpoint, gateway e posta elettronica. Obiettivi per i quali le precedenti soluzioni si erano dimostrate manchevoli.

Continua a leggere

GDPR: 5 cose che potrebbero accadere in seguito all’entrata in vigore del nuovo regolamento

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

GDPR: gli interrogativi sono ancora molti

Dopo anni di discussioni e a un anno dalla sua rettifica ufficiale, ci siamo. Il General Data Protection Regulation (GDPR) sta per entrare definitivamente in vigore. Gli interrogativi sono ancora molti. Cosa potrebbe succedere effettivamente? Quando vedremo scattare le prime multe? Quali tecnologie e processi saranno ritenuti conformi allo standard di “stato dell’arte” imposto dal regolamento? Il GDPR sarà di aiuto o di intralcio all’innovazione?

Ecco alcune ipotesi su quello che potremmo vedere, a partire dalle mezzanotte del 25 maggio.

Continua a leggere