Archivio mensile:Gennaio 2020

Cybersecurity: il 2020 sarà l’anno di una nuova normalità

ll futuro è complesso, esposto e mal configurato, ma anche difendibile. Trend Micro presenta le previsioni sulle minacce che colpiranno quest’anno, tra rischi tradizionali, nuove tecnologie e superfici di attacco che si allargano a dismisura

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Il 2020 segna il passaggio a un nuovo decennio e questo vale anche per la cybersecurity. Non esistono più reti aziendali isolate dietro a un firewall e infrastrutture aziendali costituite da poche applicazioni e programmi. Oggi sussiste un’ampia varietà di applicazioni, servizi e piattaforme e tutto deve essere protetto. Le minacce saranno sempre più complesse e combineranno i rischi tradizionali con le nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale che verrà utilizzata per compiere truffe aziendali. Oltre alle minacce che si ripetono da anni, ad esempio estorsioni e phishing, i rischi maggiori arriveranno dalle migrazioni cloud e dagli ambienti DevOps, che esporranno le organizzazioni a rischi anche di terze parti. 

Il futuro appare quindi complesso, esposto e mal configurato, ma anche difendibile. Il dato emerge dal report Trend Micro sulle minacce informatiche che caratterizzeranno l’anno in corso, dal titolo “La nuova normalità: previsioni Trend Micro sulla sicurezza per il 2020“. 

Lo studio evidenzia che i cybercriminali cercheranno di impadronirsi sempre di più dei dati custoditi nel cloud, attraverso attacchi basati su immissioni di codice che prenderanno di mira sia i cloud provider che le librerie di terze parti. È naturale che il maggior utilizzo di codice di terze parti che alimenta la cultura DevOps farà aumentare i rischi. I componenti compromessi dei container e delle librerie utilizzate in architetture serverless e di microservizi, aumenteranno considerevolmente la superficie dell’azienda esposta ai rischi e i metodi di difesa tradizionali faranno fatica a tenere il passo. 

I cybercriminali colpiranno i Managed Service Provider per poter poi raggiungere altre organizzazioni e non cercheranno solo di rubare i dati critici, ma anche di installare malware per sabotare fabbriche intelligenti o estorcere denaro attraverso ransomware. 

Conferenza stampa sugli scenari della cybersecurity per il 2020. Da sinistra a destra: Stefano Zanero, Prof. associato di computer security, Politecnico Milano; Salvatore La Barbera, Dirigente Compartimento Polizia Postale e Comunicazioni per la Lombardia; Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia; Rik Ferguson, VP Security Research.


Quest’anno assisteremo anche a rischi legati alla supply chain, nel momento in cui i lavoratori si connetteranno da remoto attraverso reti Wi-Fi poco protette o quando le aziende interscambiano i dati in modo digitale. Anche le vulnerabilità nei dispositivi domestici connessi potranno essere utilizzate come punto di accesso alle reti aziendali. 

Per proteggersi, raccomandiamo alle aziende di migliorare la due diligence dei cloud provider, condurre regolari analisi dei possibili rischi da terze parti e investire in strumenti per rilevare malware e vulnerabilità in queste organizzazioni, configurare al meglio le reti cloud e rivedere le policy di sicurezza dei lavoratori da remoto.  

Nel dettaglio, queste le previsioni Trend Micro per il 2020: 

Il futuro è complesso

  • Gli attaccanti non avranno problemi ad aggirare patch incomplete e applicate in modo affrettato
  • I cybercriminali utilizzeranno le piattaforme blockchain per le transazioni clandestine
  • I sistemi bancari saranno nel mirino con open banking e malware per bancomat 
  • I deepfake creati con l’intelligenza artificiale saranno la nuova frontiera delle frodi aziendali
  • I Managed Service Provider saranno colpiti per distribuire malware e scatenare attacchi supply chain
  • Gli attaccanti approfitteranno dei bug trasformabili in worm e deserializzazione


Il futuro è esposto

  • I cyber criminali utilizzeranno dispositivi IoT per azioni di spionaggio ed estorsione
  • Chi adotterà il 5G dovrà mettere al sicuro le reti software-defined
  • Le infrastrutture critiche saranno colpite da ulteriori attacchi e fermi della produzione
  • Gli ambienti home office e di lavoro da remoto ridefiniranno gli attacchi supply chain

Il futuro è mal configurato 

  • Le vulnerabilità dei container saranno tra i principali problemi di sicurezza per i team DevOps
  • Le piattaforme serverless aumenteranno la superficie di attacco a causa di errori di configurazione e codici vulnerabili
  • Errori di configurazione da parte degli utenti e il coinvolgimento di terze parti non sicure, aumenteranno i rischi nelle piattaforme cloud
  • Le piattaforme cloud saranno preda di attacchi basati sulle loro vulnerabilità come gli SQL iniection, attraverso librerie di terze parti

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link 

Trend Micro presenta la più ampia piattaforma di servizi di security per le aziende che costruiscono applicazioni nel cloud

Trend Micro Cloud One automatizza e semplifica la cloud security per offrire alle organizzazioni la flessibilità di cui hanno bisogno per soddisfare le priorità cloud più strategiche.

A cura di Salvatore Marcis, Technical Director Trend Micro Italia 

Annunciamo Trend Micro Cloud One™, una piattaforma di servizi di sicurezza per le aziende che sviluppano applicazioni nel cloud. Cloud One permette agli sviluppatori di sviluppare le applicazioni, utilizzando il servizio cloud che preferiscono e gestendo i rischi della propria organizzazione.

È stata progettata per aiutare le aziende a soddisfare le priorità del cloud maggiormente strategiche e concentra la più ampia gamma di capacità di sicurezza del settore in una singola piattaforma. Consente di migrare le applicazioni esistenti nel cloud, erogare nuove applicazioni cloud-native e raggiungere l’eccellenza operativa nel cloud. È la prima piattaforma del suo genere e ha la flessibilità per risolvere immediatamente le sfide dei clienti e l’innovazione per evolvere rapidamente attraverso i servizi cloud. Cloud One include il servizio di sicurezza del carico di lavoro leader a livello mondiale, già utilizzato da migliaia di organizzazioni. Offre anche la sicurezza per i container e una nuova soluzione per proteggere applicazioni, reti, file storage e per assicurare che l’infrastruttura cloud sia configurata in maniera ottimale.

Molte soluzioni di cloud security sono spesso difficili da implementare e gestire. Non sono flessibili e non danno quel livello di visibilità che servirebbe ai team IT per affrontare i rischi moderni. L’approccio “all-in-one platform” di Trend Micro è pensato per offrire una protezione semplificata, automatizzata e flessibile, a prescindere dal punto in cui ogni azienda si trova nel proprio viaggio verso il cloud. I clienti che utilizzano la piattaforma trarranno vantaggio da un unico accesso a tutti i servizi, dalla registrazione di utenti e servizi cloud comuni, dalla visibilità da un’unica console e da un modello di tariffazione e fatturazione comune.

La nuova piattaforma di cloud security di Trend Micro supporta i principali provider cloud, inclusi Amazon Web Services (AWS), Microsoft Azure e Google Cloud. È inoltre in grado di offrire una sicurezza di tipo “enterprise-level”, sfruttando i benefici e l’efficienza del cloud.

Cloud One platform sarà disponibile in Q1 2020 con tre servizi pienamente integrati: workload security, network security e application security. Le altre componenti saranno disponibili come soluzioni singole e verranno integrate con Cloud One entro la fine del 2020.

· Trend Micro Cloud One – Workload Security

· Trend Micro Cloud One – Container Image Security

· Trend Micro Cloud One – File Storage Security

· Trend Micro Cloud One – Network Security

· Trend Micro Cloud One – Cloud Posture Management

· Trend Micro Cloud One – Application Security.

Ulteriori informazioni su Cloud One sono disponibili a questo link.

Microsoft ritira Windows Server 2008, cosa fare per non cadere vittima degli attacchi cyber?

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Il 14 gennaio 2020 Microsoft ritirerà i prodotti Windows Server 2008 e Server 2008 R2. Questa decisione del vendor porta le aziende a una scelta difficile: mantenere il sistema operativo e pagare per la costosa estensione del supporto, spendere tempo e risorse per una migrazione, oppure lasciare l’azienda esposta alle minacce cyber. 

La buona notizia è che esiste una soluzione che ha un costo migliore e che permette di continuare a utilizzare Server 2008 e di mitigare i rischi cyber evitando ulteriori criticità: investire in una sicurezza server integrata. 

 Aspettare e vedere non funzionerà

Nelle scorse settimane abbiamo parlato con numerose aziende e un preoccupante numero di queste è preparato ad adottare una politica di attesa in seguito alla fine del supporto per Server 2008. Questa è una scommessa che non consigliamo assolutamente di intraprendere. 

Senza il supporto di Microsoft, le aziende non avranno più accesso agli aggiornamenti di sicurezza per Windows 2008. I server saranno esposti ad attacchi che sfrutteranno le vulnerabilità che verranno scoperte dopo gennaio 2020 e sicuramente i cyber criminali hanno già deciso di concentrarsi su questa attività. 

Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Quali sono le alternative? 

Una soluzione è pagare per beneficiare di un’estensione del supporto di Microsoft che però, secondo una recente analisi, non sembra essere a buon mercato. 

Fortunatamente c’è una soluzione con un rapporto costo-beneficio migliore. Trend Micro Deep Security si contraddistingue per un sistema di prevenzione delle intrusioni di prossima generazione, conosciuto anche come “virtual patching” che protegge i server e gli endpoint dalle minacce che sfruttano le vulnerabilità nelle applicazioni critiche e sistemi operativi. Questa caratteristica è in grado di mantenere sicuro Windows Server 2008 anche dalle minacce zero-day che Microsoft non ha ancora identificato. 

Il patching virtuale consente anche di:

  • Avere più tempo per valutare le vulnerabilità e testare e applicare le patch necessarie
  • Evitare downtime non necessari, permettendo alle aziende di avere il controllo sul patch management
  • Migliorare la compliance ai regolamenti
  • Avere una flessibilità maggiore, riducendo la necessità di implementare soluzioni alternative o patch di emergenza

Adottare una politica di attesa nell’attuale scenario delle minacce è un rischio che non vale la pena correre. Se l’azienda continua a utilizzare Windows Server 2008 per ragioni finanziare o tecniche, è meglio prendere in considerazione soluzioni di virtual patching per minimizzare i rischi e supportare il business anche oltre gennaio 2020.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo link