Archivi tag: cloud

Hybrid Cloud Security: Trend Micro è ancora la numero uno

Il market share Trend Micro è superiore di tre volte rispetto al vendor numero due

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Siamo felici di annunciare di essere stati riconosciuti come azienda numero uno nel market share 2019 per la Hybrid Cloud Workload Security, secondo il report di IDC “Worldwide Hybrid Cloud Workload Security Market Shares, 2019” (doc #US46398420, June 2020).

Con un market share del 29,5% nel 2019, tre volte tanto quello del vendor in seconda posizione, Trend Micro è stata descritta nel report come il “gorilla da 1.000 kg” e il “leader che domina la protezione dei workload SDC”.

Come sottolinea IDC nel report, la nostra posizione di leadership in questo settore non è casuale. Abbiamo capito l’importanza della protezione dei workload più di dieci anni fa e da quel momento abbiamo lavorato sulle nostre capacità. Altri vendor si dichiarano leader ma il quadro di IDC afferma che Trend Micro continua a primeggiare grazie a nuovi prodotti e nuove capacità pensate appositamente per supportare le crescenti ambizioni delle aziende nel cloud ibrido e nei servizi per le infrastrutture cloud.

IDC definisce la protezione dei workload hybrid cloud come la messa in sicurezza delle VM e dei container che vengono eseguiti negli ambienti SDC. Trend Micro ha cominciato a lavorare alla protezione di questi ambienti nel 2009, investendo in maniera significativa in una strategia di intrusion-prevention host-based e di firewall per ambienti cloud e data center virtualizzati.

Lo studio di IDC sottolinea che il merito della posizione di Trend Micro si deve anche all’acquisizione di Cloud Confirmity, che permette alle aziende di risolvere le problematiche di un’errata configurazione degli ambienti cloud. Inoltre, la partnership con Snyk aiuta a risolvere le vulnerabilità che derivano dalle attività open source dei team DevOps.

In seguito all’acquisizione di successo di Cloud Conformity, AWS “Technology Partner of the Year 2019”, Trend Micro ha continuato a lavorare sulle proprie capacità attraverso il supporto per le VM sulla Google Cloud Platform (GCP), la protezione della piattaforma Kubernetes e l’integrazione delle scansioni delle immagini dei container nel Google Kubernetes Engine (GKE).

Trend Micro ha creato un GCP Connector per automatizzare il discovery e la protezione delle istanze VM GCP ed è stata nominata Google Cloud Technology Partner of the Year 2019 per la security.

Secondo IDC “Trend Micro non si è adagiata sulla propria posizione ma ha continuato a investire”. Per questo l’azienda alla fine del 2019 ha presentato Cloud One, una piattaforma SaaS che aiuta le aziende a risolvere le sfide di cloud security in diverse aree chiave come i data center, i server, le VM, i workload, i container, la gestione della postura cloud e molto altro ancora.

ll riconoscimento del report IDC market share si affianca a quello ottenuto dallo studio Forrester Wave™: Cloud Workload Security, Q4 2019.

Ulteriori informazioni e il report sono disponibili al seguente link

Ambienti cloud, gli errori nella configurazione sono la prima causa di rischi cyber

Ricerca Trend Micro mostra come minacce e falle nella security, in diverse aree chiave, mettano a rischio dati sensibili e segreti aziendali

A cura di Salvatore Marcis, Technical Director Trend Micro Italia

Negli ambienti cloud, gli errori di configurazione sono la prima causa di criticità legate alla cybersecurity e ogni giorno sono 230 milioni, in media, le problematiche di questo tipo. Il dato emerge dalla nostra ultima ricerca dal titolo “Exploring Common Threats to Cloud Security”. Lo studio rende pubblici i numeri di Trend Micro Cloud One – Conformity, la piattaforma dedicata alla protezione degli ambienti cloud.

Secondo Gartner, nel 2021, oltre il 75% delle aziende medio grandi avrà adottato una strategia IT multi-cloud o ibrida[1]. Nel momento in cui le piattaforme cloud diventano prevalenti, l’IT e i team DevOps devono far fronte a preoccupazioni maggiori e incertezze legate al mettere al sicuro le infrastrutture cloud.

Le operazione cloud-based sono diventate la norma piuttosto che l’eccezione e i cybercriminali si sono adattati per capitalizzare gli errori nella configurazione o gestione degli ambienti cloud. Le organizzazioni devono cambiare il modo in cui pensano alla sicurezza del cloud, non come qualcosa che viene affrontato a posteriori, ma come parte integrante di un’implementazione cloud ben progettata e Trend Micro aiuta le organizzazioni ad avere successo in questo processo.

La ricerca ha riscontrato minacce e falle nella security in diverse aree chiave degli ambienti cloud, che mettevano a rischio dati sensibili e segreti aziendali. I cyber criminali che hanno voluto trarre profitto dagli errori di configurazione degli ambienti cloud, hanno attaccato le aziende con ransomware, cryptomining, s3-bucket exploit e data exfiltration.

Sono stati trovati anche dei tutorial online fuorvianti che hanno aggravato il rischio in alcune aziende, portando a situazioni di credenziali e certificati cloud mal gestiti. I team IT possono sfruttare gli strumenti cloud native per mitigare questa tipologia di rischi, ma non dovrebbero fare affidamento esclusivo su questi tool.

I suggerimenti Trend Micro per mettere al sicuro gli ambienti cloud:

  • Adottare controlli con privilegi minimi – Restringere gli accessi solo a chi ne ha effettivamente bisogno
  • Comprendere il modello di responsabilità condivisa – Nonostante i provider cloud abbiano una built-in security, i clienti sono responsabili per la sicurezza dei propri dati
  • Monitorare i sistemi mal configurati ed esposti – Strumenti come Trend Micro Cloud One – Conformity possono identificare in maniera veloce e facile gli errori di configurazione negli ambienti cloud
  • Integrare la security nella cultura DevOps – La sicurezza deve essere inclusa nei processi DevOps dall’inizio dello sviluppo software, correggere rischi di sicurezza durante il processo di sviluppo è molto meno oneroso che farlo a posteriori

Ulteriori informazioni e il report completo sono disponibili a questo link

[1] Smarter With Gartner, 5 Approaches to Cloud Applications Integration, May 14, 2019

Trend Micro è “Google Cloud Technology Partner” dell’anno

Il riconoscimento conferma ulteriormente la leadership di Trend Micro nella cloud security

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Siamo felici di annunciare di essere stati riconosciuti da Google come partner tecnologico dell’anno 2019, per quanto riguarda la security di Google Cloud. Questo riconoscimento conferma ulteriormente la leadership di Trend Micro nella cloud security.

“È un piacere riconoscere Trend Micro come nostro Technology Partner of the Year per la Security”. Ha affermato Kevin Ichhpurani, corporate vice president, global ecosystem at Google Cloud. “Le organizzazioni che utilizzano Trend Micro Cloud One all’interno di Google Cloud possono beneficiare di una piattaforma unica che mantiene sotto controllo i container, i workload, le reti e lo storage, sfruttando al contempo l’infrastruttura globale ed elastica di Google Cloud.”

I clienti Google Cloud che hanno scelto Trend Micro si avvalgono di uno stack completo che include l’integrazione tra l’infrastruttura e la security e che permette di soddisfare le esigenze di sicurezza e governance.

Trend Micro ha recentemente semplificato la cloud security lanciando Cloud One, una single service platform che riunisce la sicurezza dei workload, la scansione e la protezione runtime dell’immagine dei container, l’application security, la network security, la protezione dello storage e il cloud security posture management (CSPM).

I nostri clienti in tutto il mondo sfruttano Google Cloud beneficiando del controllo fornito da Cloud One. Essere selezionati come Google Cloud Technology Partner dell’anno per la security è un grande riconoscimento, specialmente in un mercato cloud sempre più in crescita e dove la maggior parte dei security vendor non hanno un portfolio per la cloud security moderno e integrato che sia capace di una protezione continua delle applicazioni. Non potremmo essere più orgogliosi e non vediamo l’ora di sorprendere i nostri clienti con le altre innovazioni che abbiamo in mente per Google Cloud.

Ulteriori informazioni su Google Cloud e la security di Trend Micro sono disponibili a questo link

On site o da remoto: con Trend Micro la sicurezza è sempre al 100%

Le pratiche di smart working stanno creando numerosi grattacapi alle organizzazioni. Una serie di webinar mostrerà come le soluzioni cloud di Trend Micro permettono di gestire in modo più snello i livelli di sicurezza, semplificando l’impatto infrastrutturale e azzerando le problematiche su dove i dispositivi o le persone si trovino.

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Nelle ultime settimane le abitudini lavorative sono cambiate e le pratiche lavorative da remoto sono cresciute esponenzialmente. Molte aziende si sono trovate a gestire situazioni di criticità, dovute al fatto che una situazione straordinaria come quella attuale non era stata prevista. In termini IT, la straordinarietà consiste nel fatto che molte organizzazioni si sono trovate a gestire un flusso repentino di dispositivi che si connettevano alla rete aziendale dall’esterno, dovendo garantire le stesse prestazioni e soprattutto gli stessi livelli di sicurezza come se fossero all’interno. Molte organizzazioni basate su infrastrutture on premise sono andate sotto stress.

Trend Micro, leader globale nelle soluzioni di cybersecurity, nell’eccezionalità di una situazione che potrebbe però diventare una nuova normalità, vuole supportare al meglio la propria community di clienti, partner e prospect e per questo propone una serie di webinar che mostrerà come le soluzioni cloud di Trend Micro possono aiutare a risolvere e a gestire in modo più snello i livelli di sicurezza, semplificando di molto l’impatto infrastrutturale e azzerando le problematiche su dove i dispositivi o le persone si trovino.

I prodotti di Trend Micro sono infatti disponibili come soluzioni SaaS in modalità ibrida. Questo permette di poter svolgere tutte le attività con il vantaggio che per l’infrastruttura aziendale è indifferente che il dispositivo si trovi all’interno o all’esterno della rete. Questo è molto importante perché permette sia alle aziende che ai partner di poter mantenere e garantire la propria operatività al 100% anche da remoto, continuando a svolgere le attività in qualsiasi circostanza e luogo, sfruttando anche una modalità di pay per use. È attraverso questa strategia che una situazione di crisi non prevista, come quella attuale, può essere affrontata al meglio, apportando significativi miglioramenti alle infrastrutture anche in ottica futura, perché appunto il lavoro da remoto è destinato a diventare una nuova normalità.

Per noi è importante sottolineare due concetti fondamentali. Il primo è quello della collaborazione integrata ed è per questo che l’iniziativa è rivolta sia alle aziende che ai partner, perché è importante mantenere sempre un fronte comune nella lotta alle minacce cyber. Il secondo concetto è che a prescindere dalle piattaforme che si utilizzano e dal tipo di infrastruttura bisogna essere sempre in grado di mantenere l’operatività sia on site che da remoto e il cloud è un importante abilitatore di questa modalità, abbattendo di fatto le barriere fisiche.

Il calendario dei webinar:

Trend Micro CloudApp Security, Smart Security per Office 365 e Google Suite
27 marzo ore 10:30

Trend Micro Cloud One Workload Security, Smart Datacenter Security 
2 aprile ore 10:30

Trend Micro Cloud One Conformity, verifica la conformità del tuo Cloud
9 aprile ore 10:30

Trend Micro Worry-Free Security, Smart Security per le Piccole Imprese
17 aprile ore 10:30

Trend Micro Connected Threat Defense, think out of the box con la Smart Connected Security
23 aprile ore 10:30

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link

Trend Micro: nel 2019 bloccate 13 milioni di email ad alto rischio

Pubblicato il Cloud App Security Roundup. Tra i fenomeni osservati un aumento delle truffe Business Email Compromise (BEC), di attacchi phishing e di email che contenevano malware

A cura di Salvatore Marcis, Technical Director Trend Micro Italia

Nel 2019 Trend Micro ha bloccato 12,7 milioni di email che contenevano minacce ad alto rischio indirizzate ai clienti di servizi email basati su cloud di Microsoft e Google. Un dato che è evidenziato dal report Cloud App Security Roundup, elaborato sui dati della soluzione Trend Micro Cloud App, che offre un secondo livello di protezione per questi servizi e che interviene sulle minacce che oltrepassano i sistemi di sicurezza previsti dai vendor.

Le aziende sfruttano le potenzialità delle applicazioni SaaS per indirizzare la produttività, risparmiare sui costi e favorire la crescita. Affidandosi esclusivamente alla protezione di base inclusa nelle soluzioni di SaaS, possono però andare in contro a dei rischi. Come ha dimostrato il nostro report, una sicurezza di base non è sufficiente oggi per fermare i cybercriminali. Le aziende devono assumersi la responsabilità della protezione cloud e adottare una soluzione multi livello esterna per migliorare le funzionalità di security native della propria piattaforma.

Secondo il report, oltre 11 milioni di email ad alto rischio bloccate nel 2019, ovvero l’89% del totale, veicolavano attacchi phishing. Rispetto al 2018, abbiamo rilevato un aumento del 35% per quanto riguarda i tentativi di sottrazione delle credenziali e il numero di link sconosciuti in questi attacchi è passato dal 9% al 44%. Questo dimostrerebbe che i truffatori registrano nuovi siti web per evitare di essere rintracciati.

Il report mostra anche che i cybercriminali stanno diventando sempre più bravi nell’aggirare il primo livello di difesa contro le truffe Business Email Compromise (BEC), ma la percentuale di questa tipologia di attacchi che sono stati fermati grazie ad analisi basate sull’intelligenza artificiale è salita dal 7% del 2018 al 21% del 2019.

Tra le tecniche di phishing emergenti, il report sottolinea l’utilizzo di HTTPS che mirano agli account degli amministratori di Office 365. Questo permette ai cybercriminali di dirottare gli account connessi sui domini in target e utilizzarli per mandare malware, lanciare attacchi BEC più convincenti e altro ancora. Trend Micro nel 2019 ha bloccati circa 400mila tentativi di truffe BEC, ovvero il 271% in più rispetto all’anno precedente.

Per far fronte a queste minacce con successo, suggeriamo di:

  • Passare da una sola soluzione gateway a una di cloud app security multi livello
  • Considerare l’analisi in sandbox di malware, il rilevamento degli exploit nei documenti e tecnologie di reputazione file, email e web per individuare malware nascosti in Office 365 e nei documenti PDF
  • Rafforzare le policy di data loss prevention (DLP) nelle app di cloud email e di collaborazione
  • Scegliere un partner di security che possa offrire un’integrazione senza soluzione di continuità nella propria piattaforma cloud, preservando le funzioni utenti e di amministratore
  • Sviluppare programmi formativi per gli utenti finali

I dati del report sono generati da Trend Micro Cloud App Security™, una soluzione API che protegge una vasta gamma di applicazioni e servizi cloud, inclusi Microsoft® Office 365™ Exchange™ Online, OneDrive® for Business, SharePoint® Online, Gmail, e Google Drive.

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link

La sicurezza cloud non ti fa dormire? Ecco i quattro motivi!

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Le aziende oggi si muovono verso il cloud per sfruttare la sua velocità, agilità, scalabilità ed efficienza di costi. Una volta implementato però, ci si rende conto che il cloud richiede una gestione della security accorta e soprattutto decisa. Sempre più aziende iniziano il loro viaggio verso il cloud e sempre più team di security trascorrono notti insonni nel tentativo di proteggere l’infrastruttura al meglio.  

Le probabilità che, da qualche parte, un cyber truffatore stia osservando l’azienda in target e aspetti pazientemente di infiltrarsi nelle maglie della security sono alte. Ormai gestire la sicurezza dei dati aziendali è fondamentale quanto indossare la protezione solare: anche se il sole si nasconde dietro una nuvola sappiamo che potremmo scottarci lo stesso, nonostante il calore avvertito sia minimo. Per la cyber security è lo stesso. 

Analizzando i feedback pervenuti dai nostri clienti Trend Micro Cloud One in tutto il mondo, abbiamo scoperto come la “Sicurezza” sia al primo posto dei loro “mal di pancia”. Il feedback mostra chiaramente che “Sicurezza” è l’area più critica all’interno dell’infrastruttura AWS per esempio. Inoltre, secondo uno studio interno di giugno 2019, oltre il 50% dei problemi delle aziende appartiene alla categoria “Sicurezza”.

Cloud One – Conformity è la soluzione ideale per controllare i tuoi ambienti cloud

Come risolvere i mal di pancia legati alla security? Trend Micro Cloud One permette di ridurre il numero di problemi di security che interessano l’infrastruttura cloud, ma prima dobbiamo superare i possibili motivi delle vulnerabilità dell’infrastruttura di sicurezza:

 1. Non scansionare gli account regolarmente

Quando si distribuiscono servizi e risorse più volte al giorno, è necessario eseguire la scansione continua di tutti gli ambienti e delle istanze a intervalli regolari. Strumenti come il modulo Conformity Bot analizza gli account in base a 530 regole basate sui cinque pilastri del Well-Architected Framework, per aiutare a identificare i potenziali rischi per la sicurezza e metterli in ordine di priorità. È anche possibile impostare la frequenza delle scansioni, o eseguirle manualmente come richiesto.

2. Non investire in misure preventive

Configurazioni errate, apparentemente innocue, possono causare danni enormi che possono rapidamente espandersi e provocare una violazione della sicurezza. È possibile impedire a potenziali rischi per la sicurezza di accedere ad ambienti live investendo un po’ di tempo nella scansione degli account di gestione temporanea o di prova, prima di avviare le risorse o i servizi. È possibile utilizzare uno Scanner Template per scansionare le impostazioni dell’account rispetto al modello Cloud Formation e identificare eventuali problemi di sicurezza e conformità prima della distribuzione.

3. Non monitorare l’attività in tempo reale

Le catastrofi non aspettano! Potrebbero essere sufficienti solo alcuni minuti per permettere a qualcuno di entrare nell’infrastruttura cloud mentre si è fuori durante il fine settimana. È necessario monitorare l’attività in tempo reale per agire tempestivamente sulle minacce. Uno strumento come il componente aggiuntivo di monitoraggio tiene traccia dell’attività dell’account in tempo reale e attiva degli avvisi per le attività sospette basate su configurazioni impostate. Ad esempio, è possibile impostare avvisi per monitorare l’attività dell’account da un Paese o da una regione specifici.

4. Non comunicare i rischi in modo tempestivo

Le informazioni che normalmente raccogliamo dal monitoraggio sono inutili, fino a quando non vengono analizzate da persone competenti che agiscono poi rapidamente. Una delle migliori pratiche per mantenere agevoli le operazioni di sicurezza è quella di unire il flusso delle attività e degli eventi di sicurezza nei canali di informazione. Cloud-One Conformity consente di integrare i gli account AWS con i canali di comunicazione, ad esempio Jira, e-mail, SMS, Slack, PagerDuty, Zendesk, ServiceNow ITSM e Amazon SNS. Inoltre, la configurazione dei trigger di comunicazione invia notifiche e avvisi per impostare i team attraverso i canali selezionati.

AWS offre i servizi e le risorse per ospitare le app e l’infrastruttura, ma è fondamentale ricordare che la sicurezza è una responsabilità condivisa in cui si deve assumere un ruolo attivo.

Trend Micro supporta la parte di responsabilità condivisa per la sicurezza del cloud dei propri clienti. Ecco come: https://www.trendmicro.com/cloudconformity 

Cybersecurity: il 2020 sarà l’anno di una nuova normalità

ll futuro è complesso, esposto e mal configurato, ma anche difendibile. Trend Micro presenta le previsioni sulle minacce che colpiranno quest’anno, tra rischi tradizionali, nuove tecnologie e superfici di attacco che si allargano a dismisura

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Il 2020 segna il passaggio a un nuovo decennio e questo vale anche per la cybersecurity. Non esistono più reti aziendali isolate dietro a un firewall e infrastrutture aziendali costituite da poche applicazioni e programmi. Oggi sussiste un’ampia varietà di applicazioni, servizi e piattaforme e tutto deve essere protetto. Le minacce saranno sempre più complesse e combineranno i rischi tradizionali con le nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale che verrà utilizzata per compiere truffe aziendali. Oltre alle minacce che si ripetono da anni, ad esempio estorsioni e phishing, i rischi maggiori arriveranno dalle migrazioni cloud e dagli ambienti DevOps, che esporranno le organizzazioni a rischi anche di terze parti. 

Il futuro appare quindi complesso, esposto e mal configurato, ma anche difendibile. Il dato emerge dal report Trend Micro sulle minacce informatiche che caratterizzeranno l’anno in corso, dal titolo “La nuova normalità: previsioni Trend Micro sulla sicurezza per il 2020“. 

Lo studio evidenzia che i cybercriminali cercheranno di impadronirsi sempre di più dei dati custoditi nel cloud, attraverso attacchi basati su immissioni di codice che prenderanno di mira sia i cloud provider che le librerie di terze parti. È naturale che il maggior utilizzo di codice di terze parti che alimenta la cultura DevOps farà aumentare i rischi. I componenti compromessi dei container e delle librerie utilizzate in architetture serverless e di microservizi, aumenteranno considerevolmente la superficie dell’azienda esposta ai rischi e i metodi di difesa tradizionali faranno fatica a tenere il passo. 

I cybercriminali colpiranno i Managed Service Provider per poter poi raggiungere altre organizzazioni e non cercheranno solo di rubare i dati critici, ma anche di installare malware per sabotare fabbriche intelligenti o estorcere denaro attraverso ransomware. 

Conferenza stampa sugli scenari della cybersecurity per il 2020. Da sinistra a destra: Stefano Zanero, Prof. associato di computer security, Politecnico Milano; Salvatore La Barbera, Dirigente Compartimento Polizia Postale e Comunicazioni per la Lombardia; Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia; Rik Ferguson, VP Security Research.


Quest’anno assisteremo anche a rischi legati alla supply chain, nel momento in cui i lavoratori si connetteranno da remoto attraverso reti Wi-Fi poco protette o quando le aziende interscambiano i dati in modo digitale. Anche le vulnerabilità nei dispositivi domestici connessi potranno essere utilizzate come punto di accesso alle reti aziendali. 

Per proteggersi, raccomandiamo alle aziende di migliorare la due diligence dei cloud provider, condurre regolari analisi dei possibili rischi da terze parti e investire in strumenti per rilevare malware e vulnerabilità in queste organizzazioni, configurare al meglio le reti cloud e rivedere le policy di sicurezza dei lavoratori da remoto.  

Nel dettaglio, queste le previsioni Trend Micro per il 2020: 

Il futuro è complesso

  • Gli attaccanti non avranno problemi ad aggirare patch incomplete e applicate in modo affrettato
  • I cybercriminali utilizzeranno le piattaforme blockchain per le transazioni clandestine
  • I sistemi bancari saranno nel mirino con open banking e malware per bancomat 
  • I deepfake creati con l’intelligenza artificiale saranno la nuova frontiera delle frodi aziendali
  • I Managed Service Provider saranno colpiti per distribuire malware e scatenare attacchi supply chain
  • Gli attaccanti approfitteranno dei bug trasformabili in worm e deserializzazione


Il futuro è esposto

  • I cyber criminali utilizzeranno dispositivi IoT per azioni di spionaggio ed estorsione
  • Chi adotterà il 5G dovrà mettere al sicuro le reti software-defined
  • Le infrastrutture critiche saranno colpite da ulteriori attacchi e fermi della produzione
  • Gli ambienti home office e di lavoro da remoto ridefiniranno gli attacchi supply chain

Il futuro è mal configurato 

  • Le vulnerabilità dei container saranno tra i principali problemi di sicurezza per i team DevOps
  • Le piattaforme serverless aumenteranno la superficie di attacco a causa di errori di configurazione e codici vulnerabili
  • Errori di configurazione da parte degli utenti e il coinvolgimento di terze parti non sicure, aumenteranno i rischi nelle piattaforme cloud
  • Le piattaforme cloud saranno preda di attacchi basati sulle loro vulnerabilità come gli SQL iniection, attraverso librerie di terze parti

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link 

I DevOps mettono a rischio il 72% delle aziende

A cura di Salvatore Marcis Technical Director Trend Micro Italia 

Il mancato coinvolgimento della security nei progetti DevOps e un’organizzazione strutturata in silos crea rischi cyber per il 72% delle aziende. Il dato emerge dalla nostra ultima ricerca, dove abbiamo analizzato le attitudini nei confronti dei DevOps di 1.310 decisori IT in tutto il mondo, Italia compresa. 

Continua a leggere

Deep Security as a service all’interno di Microsoft Azure Marketplace

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Abbiamo annunciato la disponibilità della soluzione cloud leader del mercato, Deep Security as a service, all’interno di Microsoft Azure Marketplace. La soluzione consentirà alle organizzazioni di combinare i benefici della sicurezza software-as-a-service (SaaS) con la covenienza di un costo a consumo.

Continua a leggere

Storage e security: l’importanza di archiviare dati sicuri

A cura di Salvatore Marcis Technical Director Trend Micro Italia 

Quando si parla di storage è importante fare una premessa. Oggi non bisogna preoccuparsi solo di proteggere i dati o di sapere dove si trovano, ma è prioritario assicurarsi che i dati che vengono custoditi all’interno degli ambienti storage siano prima di tutto sicuri e liberi da contaminazioni malware, così che possano essere condivisi e risiedere ovunque in maniera affidabile. Questo è l’obiettivo principale di Trend Micro, che analizza tutto quello che viene caricato alla ricerca di malware o vulnerabilità, prima che il file venga salvato all’interno dello storage. C’è quindi un’integrazione nativa con il controller dello storage per analizzare il file a priori, alla ricerca di malware che potrebbero essere contenuti e generare un attacco.

Continua a leggere