Archivi tag: hybrid cloud

Hybrid Cloud Security: Trend Micro è ancora la numero uno

Il market share Trend Micro è superiore di tre volte rispetto al vendor numero due

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Siamo felici di annunciare di essere stati riconosciuti come azienda numero uno nel market share 2019 per la Hybrid Cloud Workload Security, secondo il report di IDC “Worldwide Hybrid Cloud Workload Security Market Shares, 2019” (doc #US46398420, June 2020).

Con un market share del 29,5% nel 2019, tre volte tanto quello del vendor in seconda posizione, Trend Micro è stata descritta nel report come il “gorilla da 1.000 kg” e il “leader che domina la protezione dei workload SDC”.

Come sottolinea IDC nel report, la nostra posizione di leadership in questo settore non è casuale. Abbiamo capito l’importanza della protezione dei workload più di dieci anni fa e da quel momento abbiamo lavorato sulle nostre capacità. Altri vendor si dichiarano leader ma il quadro di IDC afferma che Trend Micro continua a primeggiare grazie a nuovi prodotti e nuove capacità pensate appositamente per supportare le crescenti ambizioni delle aziende nel cloud ibrido e nei servizi per le infrastrutture cloud.

IDC definisce la protezione dei workload hybrid cloud come la messa in sicurezza delle VM e dei container che vengono eseguiti negli ambienti SDC. Trend Micro ha cominciato a lavorare alla protezione di questi ambienti nel 2009, investendo in maniera significativa in una strategia di intrusion-prevention host-based e di firewall per ambienti cloud e data center virtualizzati.

Lo studio di IDC sottolinea che il merito della posizione di Trend Micro si deve anche all’acquisizione di Cloud Confirmity, che permette alle aziende di risolvere le problematiche di un’errata configurazione degli ambienti cloud. Inoltre, la partnership con Snyk aiuta a risolvere le vulnerabilità che derivano dalle attività open source dei team DevOps.

In seguito all’acquisizione di successo di Cloud Conformity, AWS “Technology Partner of the Year 2019”, Trend Micro ha continuato a lavorare sulle proprie capacità attraverso il supporto per le VM sulla Google Cloud Platform (GCP), la protezione della piattaforma Kubernetes e l’integrazione delle scansioni delle immagini dei container nel Google Kubernetes Engine (GKE).

Trend Micro ha creato un GCP Connector per automatizzare il discovery e la protezione delle istanze VM GCP ed è stata nominata Google Cloud Technology Partner of the Year 2019 per la security.

Secondo IDC “Trend Micro non si è adagiata sulla propria posizione ma ha continuato a investire”. Per questo l’azienda alla fine del 2019 ha presentato Cloud One, una piattaforma SaaS che aiuta le aziende a risolvere le sfide di cloud security in diverse aree chiave come i data center, i server, le VM, i workload, i container, la gestione della postura cloud e molto altro ancora.

ll riconoscimento del report IDC market share si affianca a quello ottenuto dallo studio Forrester Wave™: Cloud Workload Security, Q4 2019.

Ulteriori informazioni e il report sono disponibili al seguente link

Trend Micro è “Google Cloud Technology Partner” dell’anno

Il riconoscimento conferma ulteriormente la leadership di Trend Micro nella cloud security

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Siamo felici di annunciare di essere stati riconosciuti da Google come partner tecnologico dell’anno 2019, per quanto riguarda la security di Google Cloud. Questo riconoscimento conferma ulteriormente la leadership di Trend Micro nella cloud security.

“È un piacere riconoscere Trend Micro come nostro Technology Partner of the Year per la Security”. Ha affermato Kevin Ichhpurani, corporate vice president, global ecosystem at Google Cloud. “Le organizzazioni che utilizzano Trend Micro Cloud One all’interno di Google Cloud possono beneficiare di una piattaforma unica che mantiene sotto controllo i container, i workload, le reti e lo storage, sfruttando al contempo l’infrastruttura globale ed elastica di Google Cloud.”

I clienti Google Cloud che hanno scelto Trend Micro si avvalgono di uno stack completo che include l’integrazione tra l’infrastruttura e la security e che permette di soddisfare le esigenze di sicurezza e governance.

Trend Micro ha recentemente semplificato la cloud security lanciando Cloud One, una single service platform che riunisce la sicurezza dei workload, la scansione e la protezione runtime dell’immagine dei container, l’application security, la network security, la protezione dello storage e il cloud security posture management (CSPM).

I nostri clienti in tutto il mondo sfruttano Google Cloud beneficiando del controllo fornito da Cloud One. Essere selezionati come Google Cloud Technology Partner dell’anno per la security è un grande riconoscimento, specialmente in un mercato cloud sempre più in crescita e dove la maggior parte dei security vendor non hanno un portfolio per la cloud security moderno e integrato che sia capace di una protezione continua delle applicazioni. Non potremmo essere più orgogliosi e non vediamo l’ora di sorprendere i nostri clienti con le altre innovazioni che abbiamo in mente per Google Cloud.

Ulteriori informazioni su Google Cloud e la security di Trend Micro sono disponibili a questo link

La sicurezza cloud non ti fa dormire? Ecco i quattro motivi!

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Le aziende oggi si muovono verso il cloud per sfruttare la sua velocità, agilità, scalabilità ed efficienza di costi. Una volta implementato però, ci si rende conto che il cloud richiede una gestione della security accorta e soprattutto decisa. Sempre più aziende iniziano il loro viaggio verso il cloud e sempre più team di security trascorrono notti insonni nel tentativo di proteggere l’infrastruttura al meglio.  

Le probabilità che, da qualche parte, un cyber truffatore stia osservando l’azienda in target e aspetti pazientemente di infiltrarsi nelle maglie della security sono alte. Ormai gestire la sicurezza dei dati aziendali è fondamentale quanto indossare la protezione solare: anche se il sole si nasconde dietro una nuvola sappiamo che potremmo scottarci lo stesso, nonostante il calore avvertito sia minimo. Per la cyber security è lo stesso. 

Analizzando i feedback pervenuti dai nostri clienti Trend Micro Cloud One in tutto il mondo, abbiamo scoperto come la “Sicurezza” sia al primo posto dei loro “mal di pancia”. Il feedback mostra chiaramente che “Sicurezza” è l’area più critica all’interno dell’infrastruttura AWS per esempio. Inoltre, secondo uno studio interno di giugno 2019, oltre il 50% dei problemi delle aziende appartiene alla categoria “Sicurezza”.

Cloud One – Conformity è la soluzione ideale per controllare i tuoi ambienti cloud

Come risolvere i mal di pancia legati alla security? Trend Micro Cloud One permette di ridurre il numero di problemi di security che interessano l’infrastruttura cloud, ma prima dobbiamo superare i possibili motivi delle vulnerabilità dell’infrastruttura di sicurezza:

 1. Non scansionare gli account regolarmente

Quando si distribuiscono servizi e risorse più volte al giorno, è necessario eseguire la scansione continua di tutti gli ambienti e delle istanze a intervalli regolari. Strumenti come il modulo Conformity Bot analizza gli account in base a 530 regole basate sui cinque pilastri del Well-Architected Framework, per aiutare a identificare i potenziali rischi per la sicurezza e metterli in ordine di priorità. È anche possibile impostare la frequenza delle scansioni, o eseguirle manualmente come richiesto.

2. Non investire in misure preventive

Configurazioni errate, apparentemente innocue, possono causare danni enormi che possono rapidamente espandersi e provocare una violazione della sicurezza. È possibile impedire a potenziali rischi per la sicurezza di accedere ad ambienti live investendo un po’ di tempo nella scansione degli account di gestione temporanea o di prova, prima di avviare le risorse o i servizi. È possibile utilizzare uno Scanner Template per scansionare le impostazioni dell’account rispetto al modello Cloud Formation e identificare eventuali problemi di sicurezza e conformità prima della distribuzione.

3. Non monitorare l’attività in tempo reale

Le catastrofi non aspettano! Potrebbero essere sufficienti solo alcuni minuti per permettere a qualcuno di entrare nell’infrastruttura cloud mentre si è fuori durante il fine settimana. È necessario monitorare l’attività in tempo reale per agire tempestivamente sulle minacce. Uno strumento come il componente aggiuntivo di monitoraggio tiene traccia dell’attività dell’account in tempo reale e attiva degli avvisi per le attività sospette basate su configurazioni impostate. Ad esempio, è possibile impostare avvisi per monitorare l’attività dell’account da un Paese o da una regione specifici.

4. Non comunicare i rischi in modo tempestivo

Le informazioni che normalmente raccogliamo dal monitoraggio sono inutili, fino a quando non vengono analizzate da persone competenti che agiscono poi rapidamente. Una delle migliori pratiche per mantenere agevoli le operazioni di sicurezza è quella di unire il flusso delle attività e degli eventi di sicurezza nei canali di informazione. Cloud-One Conformity consente di integrare i gli account AWS con i canali di comunicazione, ad esempio Jira, e-mail, SMS, Slack, PagerDuty, Zendesk, ServiceNow ITSM e Amazon SNS. Inoltre, la configurazione dei trigger di comunicazione invia notifiche e avvisi per impostare i team attraverso i canali selezionati.

AWS offre i servizi e le risorse per ospitare le app e l’infrastruttura, ma è fondamentale ricordare che la sicurezza è una responsabilità condivisa in cui si deve assumere un ruolo attivo.

Trend Micro supporta la parte di responsabilità condivisa per la sicurezza del cloud dei propri clienti. Ecco come: https://www.trendmicro.com/cloudconformity 

Trend Micro mette al sicuro il data center moderno

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

In qualità di partner storico VMWare, siamo molto contenti di essere presenti anche quest’anno al VMworld Europe di Barcellona, manifestazione che si svolge nel capoluogo catalano in questi giorni. Il cloud e la virtualizzazione stanno vivendo un momento di grande sviluppo e le organizzazioni in tutto il mondo stanno investendo per sviluppare una digital transformation che abiliti una maggiore agilità del business, efficienza IT, risparmio dei costi e una crescita improntata all’innovazione. Ovviamente, spostarsi dagli ambienti on-premise, genera una serie di sfide legate alla sicurezza, che spesso le soluzioni tradizionali non riescono ad affrontare.

Continua a leggere