Archivi tag: smart factory

Trend Micro presenta la security di prossima generazione per gli endpoint ICS

TXOne StellarProtectTM abilita una security nativa per gli endpoint ICS che protegge dai malware conosciuti e non, attraverso il machine learning

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Siamo felici di ampliare la nostra offerta di protezione rivolta alle smart factory e di annunciare TXOne StellarProtectTM, la prima soluzione di security nativa per endpoint OT.

La soluzione è stata sviluppata da TXOne Networks ed è progettata appositamente per mettere al sicuro tutti gli endpoint OT, in ogni ambiente ICS. Negli ambienti Industry 4.0 il grande numero di endpoint ICS determina la presenza di numerose superfici di attacco, a causa di dispositivi non protetti adeguatamente o vulnerabili. L’attacco a questi dispositivi crea problemi significativi per le industrie e può mettere a rischio l’intera operatività. Secondo l’ultimo report annuale di Trend Micro sulle minacce informatiche, il settore manifatturiero è diventato un obiettivo primario per gli attacchi ransomware e questo rende prioritaria una strategia di security che utilizzi tecnologie apposite.

La criticità degli endpoint ICS risiede nel fatto che non si era mai pensato a una soluzione di sicurezza creata specificatamente per le necessità degli ambienti OT. Per soddisfare le esigenze di mercato, le soluzioni di cybersecurity per gli endpoint ICS devono rispettare tre parametri: un basso impatto sulle prestazioni, zero interruzioni e protezione in tutti gli ambienti. TXOne StellarProtectTM rappresenta una nuova pietra miliare nella protezione degli endpoint ICS.

Le esigenze specifiche degli ambienti industriali creano difficoltà nel trovare soluzioni che proteggano il sito di lavoro, pur dando la priorità necessaria alle prestazioni. Le soluzioni tradizionali, come gli antivirus signature-based, sono in grado di identificare le minacce ma richiedono una connessione internet costante e aggiornamenti frequenti, azioni non possibili per gli asset mission critical. Le soluzioni avanzate di machine learning possono identificare le anomalie e le minacce ma hanno un alto tasso di falsi positivi, che può interferire con l’operatività dei sistemi. Le soluzioni di application control or lockdown-based, invece, sono più leggere e hanno un’implementazione semplice e limitano la macchina a svolgere un compito specifico e per questo sono ideali per i sistemi ICS. Queste tecnologie assolvono compiti differenti, ma non sono in grado di fornire la capacità di adattamento necessaria per garantire la sicurezza e l’operatività dei sistemi dedicati alla produzione.

TXOne StellarProtectTM fornisce una security nativa per gli endpoint ICS per la protezione da malware conosciuti e no, attraverso il machine learning e il cosiddetto “ICS root of trust”. Per evitare scansioni ridondanti e assicurare il minimo impatto alle prestazioni.

L’ICS root of trust raggruppa oltre 1.000 certificati software e licenze ICS semplificando le azioni di analisi. StellarProtect non richiede una connessione internet e garantisce una protezione efficacie grazie all’utilizzo di policy privilege-based e all’ICS application behavior learning engine.

Ulteriori informazioni sulle soluzioni Trend Micro per la sicurezza delle smart factory sono disponibili a questo link

Ulteriori informazioni su TXOne StellarProtectTM sono disponibili a questo link

Industry 4.0: un attacco cyber mette KO la produzione per giorni

La mancanza di collaborazione tra IT e OT frena i progetti di security

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

Il 61% delle aziende manifatturiere ha subito un attacco informatico e lotta per implementare la tecnologia necessaria a gestire in maniera efficace i rischi cyber. Inoltre, il 75% delle aziende che ha subito un attacco ha dovuto affrontare un blocco della produzione e per il 43% questa interruzione è durata più di quattro giorni.

I dati emergono dalla nostra ultima ricerca, “The State of Industrial Cybersecurity: Converging IT and OT with People, Process, and Technology”.

Le industrie manifatturiere di tutto il mondo stanno raddoppiando gli sforzi di trasformazione digitale, per migliorare significativamente le proprie smart factory. La mancanza di una piena consapevolezza della security negli ambienti OT e le divergenze con le conoscenze IT creano però un disequilibrio tra i processi, le tecnologie e le persone, che concede un vantaggio ai cybercriminali. Per questa ragione Trend Micro ha integrato l’intelligence IT con quella OT e offre una soluzione integrata che garantisce maggior controllo e visibilità sull’infrastruttura.

Lo studio afferma che la tecnologia è vista come la sfida maggiore di cybersecurity per il 78% del campione, a seguire le persone (68%) e i processi (67%). Meno della metà delle aziende ha però affermato di aver iniziato un percorso tecnologico per migliorare la sicurezza.

Tra le misure di cybersecurity meno implementate, le capacità di asset visualization (40%) e segmentazione (39%), a testimonianza di come siano le più tecnicamente critiche da adottare. Le aziende con un alto grado di collaborazione IT-OT hanno dimostrato di essere più inclini a sviluppare misure di cybersecurity rispetto alle altre e questo si riflette nei dati relativi all’utilizzo di firewall (66% vs. 47%), di capacità IPS (62% vs. 46%) o di segmentazione della rete (54% vs. 37%). Per quando riguarda le novità organizzative, alcune organizzazioni hanno nominato un Chief Security Officer (CSO).

Trend Micro raccomanda un approccio in tre punti per mettere al sicuro le smart factory:

  • Prevenire, riducendo i rischi di intrusione nei punti fondamentali dove vengono scambiati i dati, come ad esempio la rete o le aree DMZ. Questi rischi potrebbero includere chiavette USB, laptop esterni o gateway IoT
  • Rilevare, identificando comportamenti anomali nella rete come le comunicazioni C&C o tentativi multipli e falliti di log-in. Prima si riesce a rilevare l’attacco, prima si ferma la minaccia con un impatto minimo
  • Persistere, è cruciale difendere le smart factory da qualsiasi tipo di minaccia che sia sfuggita ai livelli di prevenzione e rilevamento. Le soluzioni Trend Micro TXOne Network per la sicurezza delle reti e degli endpoint industriali, sono progettate appositamente per gli ambienti OT. Sono in grado di funzionare a una vasta gamma di temperature e hanno il minimo impatto sulle prestazioni

Ulteriori informazioni sulla ricerca sono disponibili a questo link

Ulteriori informazioni sulle soluzioni Trend Micro per le smart factory sono disponibili a questo link

Trend Micro protegge le Smart Factory con il primo IPS Array industriale

Grazie alla segmentazione avanzata delle reti è possibile contenere le minacce business critical

A cura di Salvatore Marcis, Technical Director Trend Micro Italia

Siamo felici di presentare la soluzione IPS array intelligente per gli ambienti industriali, prima del suo genere, creata per proteggere le grandi reti industriali dagli attacchi critici, riducendo allo stesso tempo i parametri OPEX e CAPEX.

Il nuovo EdgeIPS Pro, sviluppato da TXOne Networks, è stato progettato specificatamente per soddisfare le esigenze delle grandi smart factory, come ad esempio quelle nei settori automotive o semiconduttori, caratterizzate da impianti ad alta automatizzazione gestita centralmente, con molteplici linee di produzione.

EdgeIPS Pro entra a far parte della suite di security Trend Micro focalizzata sulla protezione delle smart factory, che offre protezione multi-livello, dal perimetro cloud all’IT corporate, passando per i layer di controllo e arrivando fino ai siti di produzione.

La convergenza dell’IT e dell’OT nelle smart factory ha portato enormi benefici alla produttività, ma ha anche aumentato i rischi di subire infezioni malware o accessi non autorizzati. Queste minacce potrebbero fermare la produzione, nel momento in cui gli asset sono altamente connessi in un’unica architettura di rete, che per questo motivo è vulnerabile agli attacchi. I responsabili di queste aziende devono adottare la giusta soluzione di security che includa la segmentazione della rete, in grado di coniugare la produttività del business con operazioni di sicurezza efficienti.


Le tradizionali soluzioni di security per le reti IT non raggiungono il livello di adattabilità richiesto dagli ambienti OT, in particolar modo riguardo il supporto ai protocolli di rete industriale. Le soluzioni di security per le reti industriali esistenti, invece, faticano a ottenere una gestione centralizzata delle operazioni di manutenzione, in quanto le appliance di sicurezza devono essere distribuite e gestite individualmente per centinaia di risorse e reti esistenti negli impianti di produzione.

Il panorama digitale è in continua evoluzione e il successo della convergenza tra IT e OT è ora un fattore critico per il business. L’introduzione di EdgeIPS Pro nella suite di security Trend Micro per le smart factory, è una pietra miliare per la protezione delle grandi reti industriali negli impianti di produzione. L’installazione e la gestione IT-friendly permettono alle organizzazioni di continuare a svolgere le consuete operazioni e di tenere a bada le minacce.

EdgeIPS Pro è un IPS array industriale intelligente, trasparente e intent-based, costruito con la tecnologia TXOne one-pass Deep Packet Inspection (TXODI™), che permette la segmentazione della rete attraverso capacità di filtro firewall/IPS/protocollo con un supporto più ampio e profondo dei protocolli di rete industriale. Non è necessario cambiare le impostazioni di configurazione delle reti esistenti e questo rende ulteriormente minimo l’impatto del costo iniziale di deployment. La soluzione abilita anche una gestione centralizzata ed efficiente nelle grandi reti industriali supportando 48 o 96 porte di rete con bypass hardware Gen3 e un form-factor che ne facilita una semplice introduzione su rack IT.

La mancanza di una segmentazione della rete che inibisca la propagazione dei malware è la criticità più comune negli ambienti ICS, poiché richiede un supporto ai protocolli di reti industriali più ampio e profondo. EdgeIPS Pro permette agli amministratori di organizzare la segmentazione delle reti in accordo con gli obiettivi di business.

  • Ulteriori informazioni sulle soluzioni di sicurezza Trend Micro per le smart factory sono disponibili a questo link
  • Ulteriori informazioni su EdgeIPS Pro sono disponibili a questo link

Come difendere gli ambienti industriali?

La crescente convergenza tra gli ambiti IT e OT all’interno delle infrastrutture aziendali sta creando nuove sfide in ambito security. Una serie di webinar mostrerà come le soluzioni di Trend Micro permettono di affrontare al meglio le sfide dell’Industry 4.0 

A cura di Salvatore Marcis, Technical Director Trend Micro Italia

Gli attacchi alle Smart Factory sono il trend del futuro per i cybercriminali. Anche usando vettori di attacco non convenzionali, gli aggressori sono attirati da questi ambienti, che considerano un bersaglio molto appetibile, con l’obiettivo di sabotare impianti, carpire segreti industriali o semplicemente per estorcere denaro, ad esempio fermando un impianto.

Trend Micro prosegue nell’impegno di supportare al meglio la propria community di clienti, partner e prospect e per questo propone una serie di webinar che mostrerà come le soluzioni Trend Micro possono proteggere al meglio le smart factories e assicurare il perfetto funzionamento delle dinamiche legate all’Industry 4.0.

La crescente convergenza tra gli ambiti IT e OT all’interno delle infrastrutture aziendali sta creando nuove sfide in ambito security. Sfide che è necessario affrontare non solo tempestivamente, ma anche garantendo l’applicabilità e l’efficacia delle soluzioni messe in campo. I sistemi operativi e i software legacy, gli ambienti air-gap e la impossibilità di installare nuovi software su alcuni macchinari, sono solo alcune delle problematiche che necessitano di una risposta veloce.

Le soluzioni Trend Micro, come TXOne Network Security, Trend Micro Portable Security 3 e Trend Micro Safe Lock TXOne Edition semplificano queste criticità e la gestione della security negli ambienti Industry 4.0, aiutando a implementare la corretta strategia di difesa.

Il calendario dei webinar:

26 giugno ore 10:30

2 luglio ore 10:30

9 luglio ore 10:30

16 luglio ore 10:30

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link

Trend Micro presenta la security integrata per le Smart Factory

A cura di Alessandro Fontana Head of Sales Trend Micro Italia

Abbiamo presentato le soluzioni per la sicurezza completa delle smart factory, progettate appositamente per fornire una visibilità migliore e la protezione per gli ambienti industrial control system (ICS). Le soluzioni metteranno al sicuro tutti i livelli dell’Industry 4.0, mitigando quei rischi cyber oggi in forte crescita e permettendo la continuità operativa.

Gartner prevede che nel 2021 i dispositivi IoT connessi saranno circa 49 miliardi, numero destinato a crescere sempre di più. Una percentuale di questi dispositivi è di categoria industriale (IIoT) e controlla o monitora processi di produzione. Questo potrebbe portare a un aumento degli incidenti di security. Prova tangibile dell’aumento dei rischi è la crescita del 224%, tra il 2017 e il 2018, delle vulnerabilità ICS che sono state segnalate. Le soluzioni di sicurezza tradizionali non sono progettate per proteggere questi ambienti, per questo abbiamo ideato un nuovo approccio.

Sappiamo che le soluzioni di sicurezza, per essere efficaci in questi ambienti, devono essere pensate in maniera diversa. I nostri nuovi prodotti sono progettati per l’Industry 4.0 e garantiti dalla nostra esperienza trentennale e dalla nostra intelligence globale sulle minacce, con l’obiettivo di offrire la migliore protezione possibile. Vogliamo dare tranquillità ai nostri clienti, sapendo che tutti i livelli e le connessioni delle loro smart factory sono protetti.

Per mitigare i rischi cyber negli ambienti industriali connessi, sono disponibili due nuove soluzioni create da TXOne, business unit Trend Micro. Queste includono un firewall industriale, un sistema di prevenzione delle intrusioni (IPS), EdgeFire e EdgeIPS per limitare l’esposizione di canali di comunicazione non sicuri e proteggere contro lo sfruttamento delle vulnerabilità. Inoltre, la console di gestione consente di monitorare i dispositivi OT installati. La OT Defense Console comunica con il firewall industriale e l’IPS per aiutare a identificare le cause alla radice dell’attacco.

Abbiamo anche aggiornato due prodotti, per farli integrare al meglio con le nuove soluzioni. Trend Micro Safe Lock TXOne edition protegge i sistemi operativi come Windows e Linux, impedendo ai malware o ai programmi non autorizzati di entrare in azione, inclusi quelli che provengono dai dispositivi USB. Trend Micro Portable Security 3 è stato aggiornato per sanare le infezioni malware negli ambienti ICS in maniera ancora più semplice.

Il valore di queste nuove soluzioni per le smart factory è ancora maggiore quando vengono utilizzate in un approccio di security multi livello, insieme ad altre soluzioni Trend Micro per il cloud ibrido o la difesa delle reti. Insieme, queste soluzioni possono rilevare e prevenire gli attacchi in maniera efficace.

Scopri di più sulle soluzioni Trend Micro per le smart factory a questo link

Il 65% delle aziende del comparto manifatturiero utilizza sistemi operativi antiquati

Il 65% delle aziende del comparto manifatturiero utilizza sistemi operativi antiquati 

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia 

Abbiamo presentato una nuova soluzione IPS, progettata appositamente per proteggere le smart factory

Il 65% delle aziende del comparto manifatturiero utilizza sistemi operativi sorpassati e questo espone a minacce che mirano a colpire sia i processi produttivi che le proprietà intellettuali. Il dato emerge dalla nostra ricerca, “Securing Smart Factories: Threats to Manufacturing Environments in the Era of Industry 4.0” che sottolinea l’importanza della security in questa nuova era di IoT e iperconnessione. I produttori stanno investendo molto per far convergere i tradizionali sistemi di operational technology (OT) con le reti IT, ma in alcuni casi implementano nuove tecnologie in ambienti che sono ancora vulnerabili a minacce di dieci anni fa.

Continua a leggere