Archivi tag: Trend Micro Research

Italia quinto Paese al mondo più colpito dai Macro Malware

Pubblicati i dati dei laboratori Trend Micro di giugno

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

L’Italia è il quinto Paese al mondo più colpito da macro malware. Il dato emerge dal report di giugno di Trend Micro Research, la divisione di Trend Micro specializzata in ricerca&sviluppo e lotta al cybercrime.

Nel mese di giugno, sono stati 20.728 gli attacchi macro malware bloccati da Trend Micro, con Powload che si conferma il macro malware di maggior rilievo. In Italia sono stati 675, dato che fa segnare una crescita del 3.3% rispetto al mese di maggio. Il nostro Paese è preceduto solo da Giappone, che si conferma essere il Paese con il maggior numero di attacchi macro malware, Cina e Stati Uniti.

Questi numeri sono stati rilevati dalla Smart Protection Network, la rete intelligente e globale di Trend Micro che individua e analizza le minacce e aggiorna costantemente il database online relativo agli incidenti cyber, per bloccare gli attacchi in tempo reale grazie alla migliore intelligence disponibile sul mercato. La Smart Protection Network è costituita da oltre 250 milioni di sensori e blocca una media di 65 miliardi di minacce all’anno.

A giugno la Smart Protection Network ha gestito 319 miliardi di query e fermato 5,2 miliardi di minacce, di cui 4,8 miliardi arrivava via e-mail.

Ulteriori informazioni sulla Trend Micro Smart Protection Network sono disponibili a questo link

Trend Micro Research scopre vulnerabilità negli apparati di traduzione dei protocolli industriali

I gateway industriali mettono a rischio i moderni ambienti industriali 4.0

A cura di Marco Balduzzi, Senior Research Scientist di Trend Micro Research

Trend Micro rivela una nuova classe di vulnerabilità nei gateway industriali che potrebbe esporre gli ambienti Industry 4.0 ad attacchi critici. Il dato emerge dalla ricerca “Lost in Translation: When Industrial Protocol Translation Goes Wrong”.

Conosciuti anche come traduttori di protocolli, i gateway industriali permettono ai macchinari, ai sensori e ai computer che operano nelle fabbriche di comunicare tra di loro e con i sistemi IT, sempre più connessi a questi ambienti. 

“I gateway industriali danno poco nell’occhio, ma hanno un’importanza significativa per gli ambienti Industry 4.0 e potrebbero essere identificati dai cyber criminali come un punto debole dell’infrastruttura”. Ha affermato Bill Malik, vice president of infrastructure strategy di Trend Micro. “Trend Micro ha scoperto una decina di vulnerabilità zero-day in questo settore ed è in prima fila per rendere gli ambienti OT più sicuri”.

Trend Micro Research ha analizzato cinque gateway industriali popolari focalizzati sulla traduzione di Modbus, uno dei protocolli per sistemi di controllo industriale (ICS) maggiormente utilizzati al mondo.

Come dettagliato nel report, le vulnerabilità e le debolezze identificate in questi dispositivi includono:

  • Vulnerabilità nelle autenticazioni che permettono accessi non autorizzati
  • Crittografia debole che permette di avere accesso alle configurazioni dei dispositivi
  • Deboli meccanismi di confidenzialità dei dati che danno accesso a informazioni sensibili
  • Condizioni di denial of service
  • Difetti nelle funzioni di traduzione che possono essere utilizzati per operazioni di sabotaggio

Gli attacchi che sfruttano queste problematiche potrebbero permettere di ottenere dati sensibili (ad esempio sulla produzione), sabotare o manipolare importanti processi industriali, attraverso messaggi di attacco che vengono appositamente camuffati in modo da apparire come legittimi, e quindi più difficilmente identificabili dai tradizionali sistemi di detection.

La ricerca fornisce anche una serie di importanti raccomandazioni per venditori, installatori e gli utilizzatori dei gateway industriali industriali:

  • Considerare con attenzione il design del prodotto e assicurarsi che abbia adeguate funzionalità di sicurezza, in modo che i dispositivi non siano soggetti a errori di traduzione o denial of service
  • Non fare affidamento su un unico punto di controllo per la sicurezza della rete. Combinare firewall ICS con il monitoraggio del traffico
  • Dedicare tempo a configurare e proteggere i gateway, utilizzando credenziali forti, togliendo i servizi non necessari e abilitando la crittografia dove supportata
  • Applicare la gestione della security ai gateway industriali e a tutti gli asset OT critici. Per esempio, svolgere valutazioni sulle errate configurazioni o vulnerabilità e provvedere a un patching regolare

I risultati di questa ricerca sono stati presentati il 5 agosto al Black Hat USA.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo link

Italia quinta al mondo per attacchi Android

Pubblicati i dati dei laboratori Trend Micro di maggio

A cura di Lisa Dolcini, Marketing Manager Trend Micro Italia

L’Italia è il quinto Paese al mondo più colpito da malware Android. Il dato emerge dal report di maggio di Trend Micro Research, la divisione di Trend Micro, leader globale di cybersecurity, specializzata in ricerca&sviluppo e lotta al cybercrime.

Nel mese di maggio sono stati 427.961 i malware progettati specificatamente per il sistema operativo Android, che hanno colpito a livello mondiale, facendo segnare un incremento del 3,6% rispetto al mese di aprile. L’Italia a maggio entra così nella top 5 mondiale, che vede al primo posto il Giappone, seguito da India, Indonesia e Taiwan.


Il panorama delle minacce è in perenne evoluzione, ma gli attacchi Android sono ormai un fenomeno consolidato degli ultimi anni. È importante che gli utenti adottino sempre un approccio all’utilizzo del dispositivo in tutta sicurezza, proteggendolo con password sicure o adottando software per la gestione delle password, installando app di sicurezza per verificare se i propri dispositivi sono infetti, e soprattutto tenendo un occhio sempre aperto nel valutare le promozioni o i link che potrebbero condurre a truffe o al furto dei dati personali, oltre ovviamente installare applicazioni solo dagli store ufficiali.


I dati degli attacchi diretti ai sistemi Android vengono rilevati attraverso la tecnologia Trend Micro Mobile Application Reputation Services (MARS), un servizio cloud-based che identifica automaticamente le minacce in base al comportamento delle applicazioni, analizzando il codice sottostante e i siti web ai quali si collegano.

Confrontando i dati con il patrimonio di informazioni della rete globale Trend Micro Smart Protection Network, questa tecnologia è in grado di identificare e bloccare quelle applicazioni mobili potenzialmente dannose (sottrazione dati sensibili, banking online, adware etc.) o affamate di risorse (consumo batteria, banda etc.).