Archivi tag: VPN

Trend Micro svela l’infrastruttura di business del cybercrime

Le organizzazioni criminali hanno bisogno di servizi hosting, ma anche di cybersecurity

A cura di Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia

I servizi di hosting sono la spina dorsale delle organizzazioni cybercriminali, indipendentemente dalle attività svolte che possono spaziare dallo spam ai ransomware. Capire come funziona il mercato underground relativo a questi servizi è quindi fondamentale ed è stato l’oggetto di studio dell’ultimo report in tre parti di Trend Micro Research, la divisione di Trend Micro specializzata in ricerca&sviluppo e lotta al cybercrime. Il report si intitola “The Hacker Infrastructure and Underground Hosting: An Overview of the Cybercriminal Market”.

Negli ultimi cinque anni il mercato ha avuto molte evoluzioni ed esistono diverse tipologie di hosting underground e relativi servizi, che includono bulletproof hosting, virtual private networks (VPN), anonymizer e protezione da attacchi Distributed Denial of Service (DDoS). Questi servizi possono essere utilizzati per proteggere, mantenere l’anonimato, depistare le indagini, occultare la sede fisica e abilitare l’IP spoofing, ad esempio.

Per oltre un decennio, Trend Micro Research ha approfondito il modo in cui pensano i criminali informatici, invece di concentrarsi solo su ciò che fanno, e questo è fondamentale quando si tratta di proteggersi. Oggi pubblichiamo il primo di una serie di tre approfondimenti su come i cybercriminali gestiscono le proprie esigenze infrastrutturali e sui mercati dedicati a questi prodotti. Speriamo che fornire alle Forze dell’Ordine uno studio su questo argomento possa contribuire a supportare la nostra missione di rendere il mondo digitale un posto più sicuro.

Il cybercrime è un settore altamente professionale, con compra-vendite e annunci che sfruttano tecniche e piattaforme di marketing legittime. Ad esempio, è stata trovata una pubblicità che prometteva server dedicati e compromessi con sede negli Stati Uniti a partire da soli $3, che diventavano $6 nel caso di disponibilità garantita per 12 ore. Molti di questi servizi sono scambiati all’interno di forum underground, alcuni dei quali sono solo su invito, ma altri sono chiaramente pubblicizzati e venduti tramite social media e piattaforme di messaggistica legittime come Twitter, VK e Telegram.

La linea tra business legittimo e criminalità è sempre più difficile da distinguere. Alcuni provider di hosting hanno una clientela legittima e pubblicizzano apertamente su internet, ma possono esserci dei rivenditori focalizzati solo sul cybercrime, senza che il provider lo sappia.

Nel caso di bulletproof hoster, legati al cybercrime in maniera più definita, si tratta di hosting provider generalmente regolari che cercano di diversificare il proprio business per soddisfare le esigenze di un cliente specifico. Per un sovrapprezzo, si possono spingere ai limiti consentiti dalla legge.

Comprendere dove, come e a quale prezzo sono venduti questi servizi, è la migliore strategia per contrastare questo fenomeno.

  • Ulteriori informazioni sono disponibili a questo link
  • Il report completo è disponibile a questo link